DFP Header Area

Turno infernale per le due italiane

Guinness PRO12 Editor

9 Feb 2011

Tags

La Benetton attende la capolista Munster mentre gli Aiorni sono impegnati al’RDS di Dublino nel match contro il Leinster.

Nonostante l’ingombrante presenza del più ricco e famoso Sei Nazioni, impegnato nella sua seconda giornata, torna la Magners League. E lo fa in grande stile perché l’incontro in programma a Monigo è di quelli di cartello. Nella Marca atterra infatti nientemeno che il Munster capolista e se è vero che le assenze causa-Championship saranno numerose, c’è da dire che proprio la concomitanza con gli impegni della nazionale irlandese obbligheranno Tony McGahan a schierare un quindici che non può certo privarsi delle sue stelle. Ecco quindi che sarà una ghiotta occasione per vedere giocatori del calibro della stella allblack Doug Howlett, di Lifeimi Mafi, Wian du Preez e Paul Wariwck, solo per citarne alcuni. Un compito improbo per il gruppo di Franco Smith che, causa l’assenza dei tanti nazionali, ha deciso di richiamare dal farm team padovano del Petrarca, Andrea Marcato per garantire profondità in cabina di regia a un organico rimasto con i soli Botes e de Waal a garantire fantasia e piede ai biancoverdi.

Sfida impossibile anche quella che attende gli Aironi all’RDS di Dublino. Il Leinster è infatti oggi una delle formazione europee maggiormente in salute tanto che, oltre ad occupare saldamente uno dei quattro posti validi per i playoff del torneo celtico, ha già conquistato con incredibile autorevolezza gli ottavi di finale di Heineken Cup. Contro gli italiani la corazzata di Schmidt non si può permettere passi falsi e, nonostante le tante assenze di prestigio, cercherà di chiudere subito i conti e conquistare vittoria e il prezioso punto di bonus. Per resistere alla carica dei campioni d’Europa 2009 la formazione guidata da Phillips ha richiamato come “permit players” l’esperto mediano di mischia Pietro Travagli (anche una fugace esperienza a Bath) e il talentuoso tallonatore Tommaso D’Apice. Due giocatori che avranno un mese per mettersi in mostra e garantirsi (il secondo, soprattutto) un futuro con la franchigia lombardo-emiliana.

Oltre alla doppia sfida italo-irlandese è però un turno che offre molti spunti quello che del prossimo weeekend. In programma ci sono infatti le sfide tra Warriors e Cardiff Blues, con i gallesi super favoriti nonostante Firhill si sia dimostrato una fortezza difficile da espugnare per tutti, e quelle ben più incerte tra Dragons e Edimburgo e tra Connacht e Scarlets. Privi in pratica della propria linea di trequarti, la squadra di Nigel Davies dovrà sudare le proverbiali sette camicie per uscire incolume dallo Sportsground di Galway e difendere così il suo secondo posto. Il big match di giornata è però fissato per domenica: al Liberty Stadium di Swansea, gli Ospreys attendono infatti l’Ulster fresco di passaggio agli ottavi di Heineken Cup. Le due formazioni sono appaiate al quarto posto a quota 33 punti e una sconfitta significherebbe perdere, forse irrimediabilmente, il treno per la post season.

Enrico Borra
Editore e Direttore
Rugby!