Treviso sconfigge la Red Army

Guinness PRO12 Editor

16 Feb 2011

Tags

trevisovmunster420

I veneti vincono contro il Munster capolista e scavalcano Edinburgh. Gli Aironi cadono con onore all’RDS mentre Cardiff approfitta dello stop degli Scarlets e si porta in terza posizione.

Il risultato più sorprendente della quattordicesima giornata è senza ombra di dubbio quello di Monito dove i biancoverdi della Benetton Treviso s’impongono contro la capolista Munster grazie a quattro calci di punizione di Willem de Waal e una meta di Gonzalo Padrò. La Red Army mantiene comunque la prima posizione in classifica con sette punti di vantaggio sul Leinster, che nell’anticipo del giovedì sera s’impone a fatica contro gli Aironi. Treviso grazie a questo successo scavalca Edinburgh e si porta in settima posizione mentre la franchigia lombardo-emiliana resta sul fondo della classifica ancora alla ricerca della prima vittoria in Celtic League. I Cardiff Blues hanno la meglio dei Glasgow Warriors e raggiungono la terza piazza. Buona parte del merito di questa vittoria deve essere attribuita al piede del mediano d’apertura Ceri Sweeney che con le sue sette punizioni ha messo la squadra nella giusta direzione. Gli altri punti dei gallesi arrivano dalla meta, l’unico di tutto l’incontro, di Tom James, abile a sfruttare un’indecisione della difesa avversaria, mentre i punti di Glasgow sono tutti frutto del piede di Duncan Weir.

Inizia con un successo l’avventura di Darren Edwards sulla panchina dei Newport Gwent Dragons che vincono l’emozionante sfida contro Edinburgh. Il regno di Paul Turner come allenatore dei gallesi è terminato pochi giorni prima di questa gara e la società a deciso d’affidare il compito di Head Coach, almeno fino la termine della stagione, al suo assistente. I padroni di casa, grazie alle cinque mete segnate, hanno messo al sicuro il risultato con largo anticipo e poi hanno impostato una solida difesa. A Edinburgh non sono bastate l’ennesima meta di Tim Visser e la presenza di Chris Paterson per espugnare il Rodney Parade. Connacht torna alla vittoria in Magners League dopo quasi cinque mesi sconfiggendo gli Scalets allo Sportsground di Galway. Gli irlandesi non ottenevano un successo da metà settembre e devono buona parte del merito all’ispirato piede di Ian Keatley, capace di realizzare quattro punizioni decisive per il risultato. La sconfitta pesa moltissimo sulle spalle degli Sacrlets che vengono superati in classifica dai Blues, ora terzi.

Gli Opsreys, campioni in carica della Magners League, si avvicinano alla zona play-off grazie a una convincente vittoria ai danni dell’Ulster. A guidare la formazione di casa un Dan Biggar in forma strepitosa che realizza sei calci di punizione e imposta la giocata che manda in meta Marty Holah. Per gli ospiti buona prova di Ruan Pienaar, uno dei pochi a combattere sino alla fine. Il successo contro gli irlandesi porta gli Ospreys in quinta posizione a solo due punti dalla zona play-off.