L’Irlanda cala il tris

Guinness PRO12 Editor

12 May 2011

Tags

LeinsterMunsterLineoutAvivaStadiumOctober2010

Le semifinali di Magners League sono dominate dalle formazione del trifoglio: Munster, Leinster e Ulster chiudono ai primi tre posti della regular season. Ancora vivi gli Ospreys.

Doveva essere un ultimo turno di fuoco quello offerto dalla Magners League e così è stato. Al termine di 80 minuti di fuoco, Munster, dominatrice della stagione, è stata così raggiunta ai playoff dal sempre più sorprendente Leinster di Joe Schmidt, dall’Ulster di Ruan Pienaar e dagli Ospreys campioni in carica. Proprio i gallesi hanno sofferto più del previsto per strappare un successo agli Aironi in quel dello Zaffanella ma hanno conquistato in extremis l’ultimo biglietto per le semifinali grazie al ko esterno dei Cardiff Blues a Llanelli. La formazione di Dai Young è la vera sconfitta di questo finale di stagione: con due turni da giocare e un punto di vantaggio sugli Ospreys, Rush e compagni hanno ceduto ai Dragons nel recupero di fine aprile prima di alzare bandiera bianca al Parc y Scarlets venerdì. Troppe le lacune difensive palesate da un organico che non è quasi mai stato in grado di imporsi come serio pretendente al titolo. I successi delle prime tre (Munster in casa sul Connacht, Leinster in casa sui Warriors e Ulster a Newport) mandano così in archivio una stagione regolare che ha offerto tanti colpi di scena e un equilibrio che ha infiammato la corsa per la post season. Il vero capolavoro della stagione è arrivato però da Monigo. Treviso, che ritrovava Tobie Botes, ha infatti spazzatp via con una prestazione brillante l’Edimburgo e si è congedata dal suo pubblico (ancora in cinquemila a sostenere i bianco-verdi di Smith) nel migliore dei modi. In meta Luke McLean (doppietta per lui) e Corniel Van Zyl, con i 16 punti al piede di Wilen de Waal a fare il resto. Per i trevigiani una prima stagione strepitosa, archiviata con nove vittorie e 38 punti che valgono un terz’ultimo posto a una sola lunghezza dal Connacht. Difficile poter sperare di più.

Ora spazio ai playoff e in semifinale chi rischia di più tra le prime due della classe è paradossalmente il Munster. Vincere a Thomond Park è una vera e propria impresa, ma Limerick è già stata violata quindici giorni fa dagli Harlequins in Amlin Challenge Cup e gli Ospreys sono l’unica formazione (Leinster a parte) con le qualità e l’estro per riuscire in un compito così difficile. Solo la prossimità della finale di Heineken Cup potrebbe invece distrarre il Leinster dal raggiungimento della seconda finale di Magners League in due anni (ovvero da quando è stata introdotta la formula del palyoff). Vincere all’RDS contro l’Ulster non sarà di certo semplice ma è ampiamente alla portata di Leo Cullen e compagni.

Enrico Borra
Editore e Direttore
Rugby!