Brunel porta gli azzurri sulla strada giusta

Guinness PRO12 Editor

20 Feb 2012

Tags

Jacques Brunel ha un bel lavoro a sostituire Nick Mallett sulla panchina dell’Italia e la seconda linea Marco Bortolami è convinto che il nuovo tecnico sia sulla strada giusta, nonostante le due sconfitte.

 

Nick Mallett ha fatto la storia vincendo l'anno scorso per la prima volta nell'RBS 6 Nations contro la Francia, lasciando dopo la Rugby World Cup.

Questo ha lasciato poco tempo a Brunel per costruire la squadra per il Sei Nazioni 2012, ma la filosofia offensiva dell'ex tecnico del Perpignan ha già dato i suoi risultati nei primi due match del torneo.

“Jacques sta facendo bene, anche se non è facile arrivare pochi mesi prima di un Sei Nazioni – ha detto Bortolami -.

“Ha le sue idee e sta facendo di tutto per farle capire al gruppo. Noi vogliamo avere più possesso di palla, cosa avvenuta anche nelle pessime condizioni ambientali di Roma. Dobbiamo trovare l'equilibrio giusto, cosa che è riuscita all'Inghilterra. Dobbiamo avere più possesso, ma sono convinto che se Jacques insiste con la sua filosofia possiamo ottenere ottimi risultati”.

“La cosa positiva è che ha portato facce nuove nel gruppo, insieme a ragazzi d'esperienza, e tutti si sono comportati bene in campo. C'è tanto talento e tanta voglia di fare bene. Sappiamo che le prossime due trasferte saranno dure, ma faremo il possibile per mettere in difficoltà Irlanda e Galles”.

Certo, a Dublino l'Italia non ha mai vinto, ma dopo il successo con la Francia l'anno scorso ogni risultato è possibile. Ma Bortolami, vicino ai 100 caps con gli azzurri, ammette che dovranno sfruttare ogni occasione per portare a casa la prima vittoria dell'anno.

“Il match con l'Irlanda sarà difficile. Hanno disputato un bel match, nonostante la sconfitta, con il Galles. Non mi aspetto una partita facile, giocano bene e potevano vincere con il Galles, ma noi dobbiamo ripetere la partita fatta con l'Inghilterra. Potevamo vincere, l'abbiamo persa nella ripresa lasciandoli giocare troppo. Dobbiamo migliorare la gestione del match, ma sono sicuro che possiamo fare meglio e vogliamo farlo fin da Dublino”.