PRO12rugby
PRO12Rugby
RaboDirectPRO12
1383708679.1677ed0.d6b06615bfda408eb39293eaa71538f9

Ospreys e Galsgow Warriors comandano a punteggio pieno

Guinness PRO12 Rugby Editor

14 Sep 2016

©INPHO/Camerasport/Ashley Crowden

Secondo successo in due partite per gallesi e scozzesi che volano al comando della classifica di Guinness PRO12, seguiti ad una lunghezza di distanza da Ulster e Cardiff Blues. I bianco-neri strapazzano il Connacht a Galway mentre i Warriors vincono nel festival di mete contro il Leinster. Italiane ancora ko.

Crolla nuovamente di fronte al pubblico amico il Connacht campione in carica e si apre così una dolorosa ferita nel ciclo tecnico del venerato Pat Lam.

Dopo il pesante ko rimediato contro i Warriors nel Match d’esordio, gli irlandesi subiscono una nuova lezione, questa volta per mano degli Ospreys, che si assicurano i cinque punti con un 32 a 11 che non ammette repliche.

Il crollo dei neri-verdi avviene negli ultimi dieci minuti di gioco che fruttano agli ospiti ben 19 punti grazie alle mete di Ardron, Webb e Hassler e ai 4 punti al piede firmati da Sam Davies.

Quattro mete di uno scatenato Tommy Seymour (che in due partite ha già marcato ben sei volte) trascinano i lanciatissimi Glasgow Warriors nel big match di giornata contro il Leinster.

Allo Scotstoun gli scozzesi si impongono per 33 a 25 al termine di una splendida ed emozionante partita, sfruttando proprio la quarta e ultima marcatura del match dell’internazionale highlander, propiziata da un guizzo di Henry Pygros.

Gli irlandesi di Leo Cullen, che avevano annunciato da pochi giorni l’arrivo nel coaching staff dell’allenatore dell’Inghilterra Stuart Lancaster, non riescono così a portare a Dublino nemmeno un punto di bonus.

Successo prezioso anche per i Cardiff Blues che espugnano a sorpresa l’Irish Indepenent Park di Cork spuntandola per un solo punto contro il temibile Munster.

In Irlanda finisce 24 a 23 con la Red Army sempre costretta ad inseguire gli scatenati gallesi di Danny Wilson, spinti oltre l’ostacolo dalla doppietta di un Tom James semplicemente micidiale.

Si rialza Edimburgo, che dopo il ko subito proprio a Cardiff nella prima giornata, difende le mura di Murrayfield dall’assalto degli Scarlets.

L’uno-due firmato Allen-Bradbury nei minuti finali della prima frazione di gioco manda infatti al tappeto la formazione di Wayne Pivac che poi si infrange contro gli invalicabili muri issati dagli scozzesi nella ripresa.

Ancora ko le italiane. Il Benetton Treviso non punge contro l’Ulster di fronte al pubblico amico del Comunale di Monigo (a segno Tommy Benvenuti) e cede 22 a 11 ai forti nord-irlandesi mentre non bastano alle Zebre i sei punti al piede firmati da Carlo Canna per espugnare il Rodney Parade di Newport.

A spuntarla sono infatti i Dragons che, al termine di un Match teso e assai duro (gialli a Harris, Roan e De Marchi) non riescono a segnare punti nel secondo tempo e vengono condannati dalla meta realizzata al 21′ da Pat Howard.